You are here

Firmato il nuovo Contratto Collettivo di Lavoro delle Fondazioni

È stato sottoscritto nella giornata di ieri, lunedì 30 luglio, il rinnovo del Contratto Collettivo di Lavoro delle Fondazioni.
Nella giornata di venerdì 20 luglio la trattativa aveva portato alla firma di una ipotesi di accordo tra le parti, che con la firma di ieri diventa a tutti gli effetti il nuovo Contratto collettivo delle Fondazioni. 
Il contratto introduce nuovi elementi di natura economica ma anche in termini di welfare e work-life balance, sistema premiale e incentivante ed altro ancora (leggi qui).

Soddisfazione per il risultato raggiunto esprimono anche le sigle sindacali, che “nonostante la complessità che ha caratterizzato la trattativa” salutano positivamente la firma di quello che definiscono “un buon contratto che pone le basi per la valorizzazione del capitale umano".

“Abbiamo firmato un buon contratto, espansivo per i lavoratori ed in assoluta controtendenza rispetto al resto dei contratti privati - il commento di Giampaolo Mastrogiuseppe (Cgil) -.  Abbiamo ottenuto un aumento economico congruo e soprattutto si è raggiunta la stabilizzazione del Fondo per il premio di autofinanziamento e del Premio di Produttività. Senza dimenticare le importanti misure di welfare contrattuale”.

“Con il rinnovo del contratto collettivo poniamo le basi per la valorizzazione del capitale umano - le parole di Giuseppe Pallanch (Cisl) -. È un risultato che soddisfa tutte le parti, ma che occorre sviluppare utilizzando gli strumenti previsti dall'Art. 60, cioè valorizzando le competenze professionali e ad assicurando una migliore gestione dei processi lavorativi".

“Abbiamo fatto un buon lavoro e c’è soddisfazione - il commento di Silvia Bertola (Uil) -. Nonostante le difficoltà e la complessità della trattativa siamo riusciti a raggiungere un buon equilibrio e la sintesi a cui siamo arrivati è senz’altro un buon risultato”.

 

.

Monday, 30 July 2018