You are here

Flessibilità e telelavoro

Uffici

Effettua il login per accedere ai servizi ed ai documenti riservati al personale FBK.

La Fondazione sostiene la flessibilità oraria come strumento utile e in grado di bilanciare l’impegno lavorativo con le esigenze personali. Compatibilmente con le esigenze organizzative è adottato un sistema di gestione delle presenze che valorizza la più ampia autonomia organizzativa del personale dipendente consentendo una maggiore flessibilità nell'organizzazione del lavoro.

Tramite l'utilizzo di PC portatile e telefono nominativo con servizio follow me, il lavoratore o la lavoratrice può accedere da remoto ad applicazioni, software e dati della Fondazione e può dunque svolgere le diverse attività lavorative in piena autonomia e senza necessità di recarsi fisicamente sul luogo di lavoro, grazie all'istituto dello smartworking e del telelavoro.

SMARTWORKING

Lo Smartworking consiste in una particolare modalità di esecuzione del rapporto di lavoro subordinato che avviene senza precisi vincoli di orario e di luogo di lavoro.
La prestazione lavorativa viene eseguita, quindi, in parte all’interno dei locali aziendali e in parte all’esterno, senza una postazione fissa, entro i soli limiti di durata massima dell’orario di lavoro giornaliero.
Per attivare questa particolare modalità, è necessario sottoscrivere un accordo tra il lavoratore e la Fondazione.
Requisiti:
  • Per motivi di organizzazione e pianificazione, la durata dell'accordo dovrà terminare entro il 31/12 di ogni anno; potrà essere rinnovata, se di interesse, a fine anno per l'anno successivo e consegnata al Servizio HR-telelavoro;
  • L'accordo deve contenente la definizione degli obiettivi individuali in termini di incrementi di qualità, efficienza ed innovazione della prestazione lavorativa. Per questo, dovrà essere redatto un report mensile dal lavoratore e approvato dal diretto responsabile contenente gli obiettivi raggiunti nel mese precedente e la programmazione del mese successivo. Tale report dovrà essere caricato sul portale INAZ come allegato alla richiesta dell'evento "Smartworking";
  • All'interno del report dovranno essere indicate le fasce orarie di disponibilità nelle quali il lavoratore dovrà essere contattabile, anche per i controlli previsti dalla legge (L. 81/2017).

TELELAVORO

Il Telelavoro consiste in una particolare modalità di esecuzione del rapporto di lavoro subordinato che avviene previa comunicazione dell'orario di attività svolta presso il domicilio del lavoratore. 

Si configura come una modalità di esecuzione del lavoro nelle seguenti forme: telelavoro annuale, a giornta singola o mobile. 
  • Per motivi di organizzazione e pianificazione, la durata dell'accordo dovrà terminare entro il 31/12 di ogni anno; potrà essere rinnovata, se di interesse, a fine anno per l'anno successivo e consegnata al Servizio HR-telelavoro;
  • La richiesta deve contenere l'indicazione dell'orario e delle giornate. A conclusione della giornata lavorativa è richiesta la compilazione di un report giornaliero da parte del lavoratore e approvato dal diretto responsabile e successivamente caricato in INAZ;
  • E' importante che in questa fase il lavoratore assicuri la reperibilità ai colleghi e per i controlli previstai dalla legge (Accordo interconfederale 9 giugno 2004) nell'orario di telelavoro.

Il Servizio Risorse Umane e’ a disposizione del personale della Fondazione, sia nell’ambito della ricerca sia dei servizi, per fornire tutte le informazioni relative a smartworking e telelavoro, oppure leggi i rispettivi regolamenti.