You are here

The Human Resources Strategy for Researchers

Fondazione Bruno Kessler ha sottoscritto e avviato il processo di endorsement per The Human Resources Strategy for Researchers (HRS4R), percorso finalizzato all'ottenimento della certificazione europea per l'eccellenza nei servizi alle risorse umane.

L’iniziativa nasce dalla volontà di dare istituzionalmente attuazione  alla Carta europea dei ricercatori e al Codice di condotta, il corpus di principi e norme a favore di tutti i ricercatori in ogni fase della propria carriera (reclutamento, condizioni di lavoro e sicurezza sociale, aspetti professionali ed etici, formazione).

La Carta Europea dei ricercatori e il Codice di condotta per il loro reclutamento illustrano i principi generali che specificano ruolo, responsabilità e diritti dei ricercatori e di coloro che li assumono e/o finanziano, nonché le norme e le procedure che dovrebbero essere applicati dai datori di lavoro e/o finanziatori nel nominare o assumere i ricercatori. Nello specifico:

  • la libertà di ricerca scientifica
  • il rispetto dei principi etici
  • la responsabilità professionale e finanziaria
  • l'impegno per la diffusione e la valorizzazione dei risultati conseguiti
  • l'impegno per una crescita professionale continua
  • il riconoscimento della professione di tutti i ricercatori
  • il divieto di ogni forma di discriminazione
  • la garanzia di un ambiente di ricerca stimolante, di condizioni di lavoro flessibili, di stabilità e continuità dell'impiego, di finanziamenti e salari giusti e attrattivi

 

Il processo di certificazione è un atto volontario e aperto a tutti gli enti di ricerca e finanziatori che intendono impegnarsi nell’implementare concretamente i 40 principi sanciti dalla Carta Europea dei Ricercatori e dal Codice di Condotta, integrando una strategia di gestione e sviluppo delle risorse umane all’interno della più ampia mission dell’organizzazione.

Il percorso di certificazione si sviluppa in 5 step.

1. La Fondazione avvia una analisi interna al fine di confrontare le proprie prassi operative con i principi espressi dalla Carta e dal Codice. L’analisi è svolta per aree tematiche e riguarda:

    • aspetti professionali ed etici
    • procedure di assunzione
    • condizione di lavoro e previdenza sociale
    • formazione


    L’analisi interna è svolta somministrando a professori, ricercatori, dottorandi della Fondazione un questionario finalizzato a valutare il livello di “agreement” con ciascuna delle affermazioni riportate nelle domante, finalizzate ad individuare i punti di forza e di debolezza delle politiche della Fondazione rispetto ai principi enunciati nella Carta.

    2. Sulla base dei risultati dell’analisi interna, la Fondazione procede poi alla redazione della propria Human Resources Strategy, elaborando un piano d’azione (che sarà pubblico e consultabile sul sito FBK) con il quale si impegna a colmare gli eventuali gap emersi dall’analisi interna allineandosi ai principi della Carta e del Codice e, più in generale, a migliorare le proprie performance in termini di gestione e sviluppo delle risorse umane.

    3. Il piano d’azione viene inviato al giudizio della Commissione Europea che, in caso di valutazione positiva, rilascia alla Fondazione un Acknowledgement, un riconoscimento del percorso e dell’impegno della Fondazione che consente l’utilizzo del logo HR Excellence in Research. Tale riconoscimento certifica che la Fondazione è un ambiente positivo e favorevole per i ricercatori, garantisce iter di reclutamento e valutazione equi e trasparenti, offre percorsi di sviluppo e crescita professionale.

    4. A distanza di due anni la Fondazione è tenuta ad effettuare una valutazione interna, volta a verificare lo stato di avanzamento e l’attuazione del piano d’azione di Human Resources Strategy.

    5. Ogni tre anni, poi, la Commissione Europea procede ad una valutazione esterna per verificare l’andamento dell’implementazione del piano di azione e gli effettivi obiettivi raggiunti dalla Fondazione rispetto a quelli enunciati nell’HR Strategy.

    Nell’ottobre 2016 la Fondazione ha comunicato ufficialmente alla Commissione Europea il proprio impegno ad implementare una HRS4R, ed in particolare una strategia delle risorse umane che:

    • promuova lo sviluppo professionale dei ricercatori durante la loro intera carriera
    • riconosca il valore della mobilità geografica e interdisciplinare come un asset strategico per rafforzare la conoscenza scientifica e accrescere lo sviluppo professionale dei ricercatori;
    • stimoli i ricercatori a perseguire gli obiettivi sanciti dalla Carta, implementandoli durante lo svolgimento della professione

     In questa fase la Fondazione sta procedendo all’elaborazione e alla somministrazione ai ricercatori di un questionario, che consentirà di fare un’analisi interna sulla base della quale si procederà poi alla redazione della Human Resources Strategy della Fondazione.